l'istruttoria PDF Stampa
Sabato 09 Marzo 2013 17:59

L'Istruttoria

istruttoria

Il 24 Gennaio la classe quarta liceo, accompagnata dalla professoressa Piazza, si è recata al Teatro Due in viale Pasetti per assistere alla messa in scena de l’Istruttoria, un’opera teatrale che tratta del processo di Francoforte, dove furono ascoltate le testimonianze riguardanti il campo di sterminio di Auschwitz e le torture che i deportati vi hanno dovuto subire.

Rispetto a  tutti gli spettacoli, film e documentari che esistono  sull’Olocausto, l’Istruttoria è, a nostro avviso, il più particolare.


La sua caratteristica principale, infatti, è il coinvolgimento del pubblico: inizialmente gli spettatori si ritrovano in mezzo alla scena, costretti a rimanere in piedi come assiepati sulla banchina di arrivo del treno al campo di sterminio.

teatro_due

L’utilizzo delle luci e l’impeccabile recitazione degli attori portano lo spettatore ad essere immerso nella vicenda e ad avere la sensazione di vivere questi tragici momenti in prima persona, immedesimandosi con le vittime dell’Olocausto. Ogni scena rappresentata corrisponde ad un “canto”, con chiaro riferimento all’inferno dantesco. I canti che hanno suscitato maggiormente l’interesse sono sicuramente stati quello riguardante gli esperimenti scientifici che venivano praticati sui deportati e quello che  delle camere a gas: qui è presente una delle scene più emozionanti della rappresentazione, dove viene simulata l’uscita del gas letale dalle camere attraverso la fuoriuscita di un denso fumo bianco che riempie il teatro.

L’Istruttoria è uno spettacolo innovativo, coinvolgente, insolito e, soprattutto, realistico. Gli attori riescono a riprodurre perfettamente il dolore e il disagio dei prigionieri tramite le espressioni, la voce e l’utilizzo della crudezza fisica, denudandosi come senza difese. Lo spettatore non riesce a scaricare le proprie emozioni a fine spettacolo poiché l’Istruttoria non ha una fine: il pubblico esce dal teatro con un fiore, senza potere applaudire gli attori, mantenendo intatta la carica emotiva accumulata fino a quel momento.

La visione di questo spettacolo è stata un occasione per approfondire ulteriormente un episodio incancellabile della storia umana, di ricordarlo e di riflettere sia sulla tragedia avvenuta, sia sulla necessità di salvaguardare le generazioni future da simili, terribili eventualità.

Mattia U. e Davide V.

Clicca qui per leggere gli altri articoli

 
Seguici con gli RSS

Calendario

Settembre 2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
Copyright © 2009 Liceo delle Scienze Umane P.G.E. Porta  -  All Rights Reserved.